Monasterium sine libris (Il latino del Nome della Rosa -3)

Nel capitolo dedicato all’Ora Terza del primo giorno troviamo ancora numerose frasi in latino, ma, prima di continuare nella nostra disamina, devo fare un’operazione urgente: cambiare l’edizione del romanzo! Stavo seguendo un’edizione cartonata, esteticamente bella (CDE - 1980), quando - horrribile visu! - mi sono imbattuto in uno sgrammaticatissimo “coram monachos”. Vado a verificare su un’altra edizione e trovo l’espressione corretta “coram monachis”. Dato che questa stessa edizione riporta anche la parola “pelle”, di cui avevo biasimato la mancanza nella seconda puntata di queste noterelle, decido di lasciare per sempre l’edizione CDE e di seguire la tascabile di Bompiani, che riporta i testi latini con maggior precisione.

In quest’ultima parte del capitolo troviamo due brevi espressioni:

  • Eris sacerdos in aeternum
  • coram monachis

La seconda espressione è del tutto generica, con funzione di “atmosfera”[1] mentre sembra molto più interessante la prima, che deriva dalla Bibbia (Salmo 109, 110, 4). Ecco il testo, che allude all’investitura sacerdotale secondo l’ordine di Melchisedec[2], il Re Messia che diverrà simbolo del Sacerdozio di Cristo.

Leggi tutto: Monasterium sine libris (Il latino del Nome della Rosa -3)

Notizie

Una nuova opera di Apuleio?

Un articolo di Gregory Hays, pubblicato nel N. 5093 del 20 maggio 2016 di TLS, il supplemento del Times dedicato alla letteratura, annuncia la possibile scoperta del terzo libro perduto del De Platone et eius dogmate di Apuleio (circa 120 d.C. – post 170). Sembra incredibile che si possano scoprire ancora oggi delle nuove opere degli autori antichi, eppure queste scoperte sono rese possibili da una fonte che ultimamente ha prodotto notevoli risultati: la rilettura attenta dei manoscritti medievali inesplorati.

Un manoscritto appartenuto alla regina Cristina di Svezia (XVII sec.) oggi nella Biblioteca Vaticana, contiene un'opera fino ad oggi inedita, che, sulla scorta di un'annotazione scritta alla fine del secondo libro del De Platone, potrebbe essere il terzo libro dell'opera apuleiana.

Leggi tutto: Una nuova opera di Apuleio?

Notizie

Bibliotheca Augustana

Bibliotheca Augustana

Sito dell’Università di Augusta (Augsburg, l’antica Augusta Vindelicorum) straordinariamente ricco non solo di testi latini e greci, ma anche di testi letterari delle principali letterature europee, italiana compresa. Il sito nel tempo si è arricchito e continua ad arricchirsi di nuovi testi. Apprezzabili anche la veste grafica e il corredo iconografico di questo sito, che è da ritenersi attendibile per il prestigio dell’istituzione e per l’impegno costante nel tempo.
Ogni sezione della biblioteca presenta l’index alphabeticus e l’index chronologicus nei quali si può apprezzare l’uso della lingua latina, considerata come universale. Le introduzioni degli autori latini e greci sono rispettivamente in latino e in greco antico. Sono disponibili numerose opere di autori antichi e moderni. C’è, perfino, “la tesina” di Karl Marx: An principatus Augusti merito inter feliciores reipublicae Romanae aetates numeretur.

Pulcherrima mihi videtur haec pagina “Ad lectorem

Testi latini e greci in rete

Altri articoli...

Pagina 1 di 7

Notizie in breve

Scoperto a Larnaka un mosaico di epoca romana

Importante scoperta archeologica a Cipro: un mosaico di epoca romana in ottimo stato di conservazione. Il mosaico ha come tema le fatiche di Ercole e appartiene all'antica città di Kition. Ecco i link per guardare qualche immagine:

  1. http://it.euronews.com/2016/07/14/cipro-operai-scoprono-mosaico-di-epoca-romana-dell-antica-kition/
  2. http://cyprus-mail.com/2016/07/13/mosaic-sheds-important-light-roman-larnaca/

 

Europa Latina

https://europalatina.live/

Omnium gentium opus fundatum c. n. “Europa Latina” humanitatis quae dicuntur studia vel maxime excolit atque fovet. In omnibus enim nostris inceptis non solum curamus ut

Leggi tutto...

Un eccezionale ritrovamento a Siviglia

Sul sito della rivista online Archeomedia compare la notizia di un ritrovamento archeologico eccezionale nei pressi di Siviglia: "19 anfore, con stipate all’interno monete in argento e in bronzo per un peso totale di 600 chili". Articolo e rivista interessanti.

Chi è online

Abbiamo 4 visitatori e nessun utente online