Notte del Liceo Classico Beccaria

 

Notte del Liceo Classico a Liceo Beccaria di Milano: una serata bellissima, in cui i ragazzi sono diventati protagonisti, hanno compreso che il liceo era loro, insieme ai loro professori hanno messo da parte il registro e hanno portato il loro entusiasmo, i loro studi, la loro cultura. E per una notte il Liceo è stato loro, si sono messi in gioco, sacrificando il tempo libero (sempre poco) per dimostrare che studiare è bello e che gli studi sono parte della loro vita. Grazie ai miei colleghi che si sono ricordati anche quest'anno di me, grazie ai ragazzi, davvero straordinari, a tutti gli organizzatori, in particolare alla collega Anna Bianchi per l'encomiabile impegno, ma anche agli studenti dell'accoglienza (bravissimi e bellissimi), al Preside e a tutto il personale che ha permesso a questa serata di essere annoverata come memorabile.

Notizie

Corso di Lingua e Letteratura latina 2018

Sono aperte le iscrizioni al Corso di Lingua e Letteratura latina 2018, che si terrà presso l'Archivio di Stato di Milano dalle ore 9.30 alle 11 di sabato per complessive venti lezioni. La prima lezione si terrà Sabato 27 gennaio nella Sala Conferenze. Il Corso è a numero chiuso e gratuito. Iscrizioni entro il 25 gennaio 2018 tramite email a: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 

Altre informazioni su questo sito alla voce di menu Corso di latino - Corso 2018

Rif: http://www.archiviodistatomilano.beniculturali.it/it/21/news/467/gennaio-in-archivio 

 

 

Notizie

Le terme (virtuali) di Caracalla

Le terme di Caracalla tornano virtualmente a risplendere

La multimedialità può realizzare il sogno di ogni appassionato dell’antichità: vedere le splendide opere degli antichi così come le potevano vedere i cittadini di Roma antica. Grazie alla realtà virtuale possiamo oggi tornare nel III secolo, sotto l’imperatore Caracalla, figlio di Settimio Severo, che fu imperatore dal 211 al 217 d.C.

Politicamente Caracalla viene ricordato per la Constitutio Antoniniana, la legge con cui l’imperatore estendeva la cittadinanza romana a tutti gli abitanti (liberi) dell’Impero. Le imponenti rovine delle terme inaugurate nel 216 possono spiegare le accuse di megalomania che gli furono mosse: un’area immensa, dove furono costruiti ambienti vastissimi, dagli alti soffitti, con spazi adornati di marmi, statue, mosaici e colonne monumentali.

Le terme furono smontate pezzo per pezzo e oggi ci si dovrebbe spostare in vari luoghi della città per ammirarne alcuni, oppure addirittura andare a Napoli, al Museo Archeologico. Invece da oggi basta andare al sito archeologico, indossare gli speciali visori e ammirare la bellezza dell’opera antica, confrontandola con le rovine che sono sotto i nostri occhi. Un bel video dell’ANSA si può raggiungere qui; La Stampa ne parla qui (dopo la pubblicità) e il Corriere dedica un bell’articolo alla pag. 31 del numero di oggi mercoledì 20 dicembre, raggiungibile qui

 

Notizie

Altri articoli...

Pagina 2 di 12

Brevia

Materiali corso 2018

Nella sezione Corso 2018 sono disponibili le schede linguistiche fino alla 4 compresa.

Arbor bustrophedica bonae spei

Ab amico Nazzareno Guglielmi creata et omnibus meis amicis dicata. Felix faustusque sit novus annus.

Chi è online

Abbiamo 1039 visitatori e nessun utente online