Nuntii per gli iscritti al sito

A tutti gli iscritti al sito Latinamente

Nessun mese è più propizio di aprile per introdurre una novità. Quindi, sperando che vi faccia piacere, vi presento i Nuntii che invierò periodicamente e con senso della misura (est modus in rebus), per divulgare alcune notizie pubblicate sul sito o alcune iniziative culturali.

Il sito gradisce segnalazioni, contributi e a collaborazioni. Potrete cancellarvi dalla lista, oppure divulgare fra gli amici l’esistenza di questi Nuntii appena nati. Approfittatene per curiosare nel sito.

Un cordiale saluto dal Magister e… buona lettura!

Notizie

Catullo: è primavera

Siamo nel 56 a.C., Catullo si trova a Nicea, capitale della Bitinia, al seguito del pretore Caio Memmio. All’arrivo della primavera sente il desiderio vivo di viaggiare, di vedere le città della Ionia dove fiorì la civiltà greca. Addio amici cari, tornate pure a casa! La mia mentre pregusta il viaggio e i miei piedi scalpitano.

Iam ver egelidos refert tepores,
iam caeli furor aequinoctialis
iucundis Zephyri silescit aureis.
Linquantur Phrygii, Catulle, campi
Nicaeaeque ager uber aestuosae:
ad claras Asiae volemus urbes.
Iam mens praetrepidans avet vagari,
iam laeti studio pedes vigescunt.
O dulces comitum valete coetus,
longe quos simul a domo profectos
diversae variae viae reportant.

Primavera riporta già il tepore del disgelo,
già la furia del clima equinoziale
tace al dolce soffio di Zefiro.
Catullo, lasciamo i campi di Frigia
e la ricca terra della tempestosa Nicea:
voliamo alle illustri città dell’Asia!
Il cuore già si pregusta il viaggio,
scalpitano già i piedi di felicità.
Cara compagnia di amici, addio,
partiste insieme da patrie lontane,
per vie diverse a casa tornerete.

C. XLVI

Notizie

De recitandis versibus latinis

Inter locos de quibus die Martii XI disputabimus, doctam et brevem appendicem de recitandis versibus invenio. Quaestio perantiqua est, de qua innumeri magistri disputaverunt: quomodo recitandi sunt versus latini? Omnes disputationes paucos exitus habuerunt: in plurimis scholis, dummodo poesis legatur, hic versus:

Verum haec tantum alias inter caput extulit urbes

vulgo legitur

vérectàantaliàsintér caputéxtulitùrbes

Itaque tres quaestiones ponendae sunt:

  • De recta pronuntiatione Latinae linguae
  • De elisione
  • De ictibus

De pronuntiatione nihil addiderim: longe praeferenda est pronuntiatio restituta, sed deponere longum… morem difficile est. De elisione, contra, aliquid possum dicere, identidem de ictibus. Invenietis etiam duorum doctissimorum virorum documenta, ex quibus duo latina lingua scripta.

Valete

Ecce quattuor documenta:

 

Notizie

Altri articoli...

Pagina 8 di 12

Brevia

Presentazione libro di Paola Varalli

Un giallo ambientato fra le strade e nei luoghi del Municipio 8 di Milano, che vede come protagoniste due amiche intraprendenti e curiose. L'autrice segue percorsi diversi da quelli che di solito caratterizzano il genere: niente sesso, sangue e violenza, ma tanta amicizia, qualche sorriso e tanti spunti per riflettere sulle relazioni umane che incrociano la nostra vita. 

Carducci - dopo la lettura

La presenza di una trentina di persone riunitesi per la serata dedicata a Giosuè Carducci è stata davvero confortante. Vorrei complimentarmi pubblicamente con tutti i presenti. Non è sempre facile vincere la pigrizia del dopo cena e affrontare il freddo di questi giorni per incontrare il poeta “professore”, che non gode ultimamente di grande popolarità. Eppure Carducci è un amico “di un tempo migliore”, ho visto negli occhi dei presenti risvegliarsi i ricordi non solo scolastici al suono di quei versi robusti e chiari, composti da un personaggio di grande levatura culturale. Un’oretta trascorsa fra immagini di vita e di luoghi, allietata da una musica moderna eseguita con perizia dal duo chitarristico Valentina Valente / Gabriele Sardo, il racconto, per sommi capi, di una vita intensa, vissuta in un periodo cruciale per la storia d’Italia e la recita di alcune poesie.

Grazie al pubblico presente. Arrivederci al prossimo martedì 20 marzo, con la poesia di Giovanni Pascoli.

Chi è online

Abbiamo 174 visitatori e nessun utente online