Aspetti culturali del cibo nella letteratura di Roma antica

Nel numero 8 della rivista Nuova Secondaria, all'interno del dossier "Il cibo nel mondo antico", compare un mio articolo che affronta un argomento di attualità, considerando il tema di EXPO 2015. I grandi autori non si interessarono del cibo come noi, ma in molte opere si trovano dei dettagli che ci fanno comprendere quali valori potessero assumere i cibi per gli antichi. Ci sono diversità e affinità che vi invito a leggere direttamente.

Se poi qualcuno vorrà farmi pervenire qualche riflessione lo ringrazierò. L'articolo si può scaricare qui. Buona lettura!

Notizie

Pagina 9 di 9

Notizie in breve

Una ricca offerta di saggi su TLS 2016

Segnalo alcuni articoli interessanti contenuti nei più recenti numeri del supplemento letterario TLS (The Times Literary Supplement www.the-tls.co.uk), che ha sempre uno spazio dedicato alla cultura classica.

  • 2 settembre 2016: Simon Goldhill dedica ad Aristofane ...
Leggi tutto...

Tinniat tinniat tintinnabulum

Con questo ritornello il professor Keith Massey traduce in latino la canzone natalizia Jingle bells. Interessante e originale la pagina http://www.keithmassey.com/latinsongs.html dedicata alle traduzioni di canzoni famose.
Il sito merita una visita, non solo in periodo natalizio.

 

 

 

Due parole su Vittorio Sermonti

Alla commemorazione di questo grande studioso vorrei solo aggiungere due parole sull'importanza che ha saputo dare al suono delle parole. Grazie a Sermonti si è capito che non basta essere attori per leggere bene un poeta come non basta essere degli studiosi per trasmettere l'amore per la poesia. La tecnologia moderna può servire per compiere questo miracolo: restituire voce e vita a un testo che non è nato per essere letto mentalmente su un foglio di carta stampata, ma per essere letto ad alta voce, per giungere, attraverso le orecchie, al cuore. Grazie Vittorio http://www.vittoriosermonti.it/  

Chi è online

Abbiamo 8 visitatori e nessun utente online