Una nuova opera di Apuleio?

Un articolo di Gregory Hays, pubblicato nel N. 5093 del 20 maggio 2016 di TLS, il supplemento del Times dedicato alla letteratura, annuncia la possibile scoperta del terzo libro perduto del De Platone et eius dogmate di Apuleio (circa 120 d.C. – post 170). Sembra incredibile che si possano scoprire ancora oggi delle nuove opere degli autori antichi, eppure queste scoperte sono rese possibili da una fonte che ultimamente ha prodotto notevoli risultati: la rilettura attenta dei manoscritti medievali inesplorati.

Un manoscritto appartenuto alla regina Cristina di Svezia (XVII sec.) oggi nella Biblioteca Vaticana, contiene un'opera fino ad oggi inedita, che, sulla scorta di un'annotazione scritta alla fine del secondo libro del De Platone, potrebbe essere il terzo libro dell'opera apuleiana.

Leggi tutto: Una nuova opera di Apuleio?

Notizie

Bibliotheca Augustana

Bibliotheca Augustana

Sito dell’Università di Augusta (Augsburg, l’antica Augusta Vindelicorum) straordinariamente ricco non solo di testi latini e greci, ma anche di testi letterari delle principali letterature europee, italiana compresa. Il sito nel tempo si è arricchito e continua ad arricchirsi di nuovi testi. Apprezzabili anche la veste grafica e il corredo iconografico di questo sito, che è da ritenersi attendibile per il prestigio dell’istituzione e per l’impegno costante nel tempo.
Ogni sezione della biblioteca presenta l’index alphabeticus e l’index chronologicus nei quali si può apprezzare l’uso della lingua latina, considerata come universale. Le introduzioni degli autori latini e greci sono rispettivamente in latino e in greco antico. Sono disponibili numerose opere di autori antichi e moderni. C’è, perfino, “la tesina” di Karl Marx: An principatus Augusti merito inter feliciores reipublicae Romanae aetates numeretur.

Pulcherrima mihi videtur haec pagina “Ad lectorem

Testi latini e greci in rete

Il cavallo di Isidoro di Siviglia (Il latino del Nome della Rosa 2)

Continuando l’analisi delle frasi latine contenute nel romanzo Il Nome della Rosa di Eco, nello stesso capitolo in cui è citato il poeta Alano delle Isole, leggiamo:

«Diceva Isidoro di Siviglia che la bellezza di un cavallo esige “ut sit exiguum caput, et siccum prope ossibus adhaerente, aures breves et argutae, oculi magni, nares patulae, erecta cervix, coma densa et cauda, ungularum soliditate fixa rotunditas.”»

C’è qualcosa che non va nella frase: qual è il soggetto del participio adhaerente? La traduzione del passo, così com’è citato, non è possibile.

Leggi tutto: Il cavallo di Isidoro di Siviglia (Il latino del Nome della Rosa 2)

Notizie

Altri articoli...

Notizie in breve

A che servono i Greci e i Romani?

Roberto Vecchioni su La Stampa (25/03/2017) recensisce il libro di Maurizio Bettini edito da Einaudi. Il titolo è decisamente stimolante, l’articolo piacevole e interessante: Il tuo giambo è come un rock

Appello all'UNESCO

Si è chiusa la Provocatio ad societatem cvltvi hvmanitatiqve provehendis (petizione all'UNESCO), promossa dall'Accademia Vivarium Novum , vt lingvæ latina et græca recipiantvr in “patrimonivm omnivm gentivm” perché la lingua greca e latina vengano recepite come "Patrimonio dell'Umanità". Speriamo bene per questa lodevole iniziativa.

Chi è online

Abbiamo 22 visitatori e nessun utente online