Catullo: è primavera

Siamo nel 56 a.C., Catullo si trova a Nicea, capitale della Bitinia, al seguito del pretore Caio Memmio. All’arrivo della primavera sente il desiderio vivo di viaggiare, di vedere le città della Ionia dove fiorì la civiltà greca. Addio amici cari, tornate pure a casa! La mia mentre pregusta il viaggio e i miei piedi scalpitano.

Iam ver egelidos refert tepores,
iam caeli furor aequinoctialis
iucundis Zephyri silescit aureis.
Linquantur Phrygii, Catulle, campi
Nicaeaeque ager uber aestuosae:
ad claras Asiae volemus urbes.
Iam mens praetrepidans avet vagari,
iam laeti studio pedes vigescunt.
O dulces comitum valete coetus,
longe quos simul a domo profectos
diversae variae viae reportant.

Primavera riporta già il tepore del disgelo,
già la furia del clima equinoziale
tace al dolce soffio di Zefiro.
Catullo, lasciamo i campi di Frigia
e la ricca terra della tempestosa Nicea:
voliamo alle illustri città dell’Asia!
Il cuore già si pregusta il viaggio,
scalpitano già i piedi di felicità.
Cara compagnia di amici, addio,
partiste insieme da patrie lontane,
per vie diverse a casa tornerete.

C. XLVI

Notizie

De recitandis versibus latinis

Inter locos de quibus die Martii XI disputabimus, doctam et brevem appendicem de recitandis versibus invenio. Quaestio perantiqua est, de qua innumeri magistri disputaverunt: quomodo recitandi sunt versus latini? Omnes disputationes paucos exitus habuerunt: in plurimis scholis, dummodo poesis legatur, hic versus:

Verum haec tantum alias inter caput extulit urbes

vulgo legitur

vérectàantaliàsintér caputéxtulitùrbes

Itaque tres quaestiones ponendae sunt:

  • De recta pronuntiatione Latinae linguae
  • De elisione
  • De ictibus

De pronuntiatione nihil addiderim: longe praeferenda est pronuntiatio restituta, sed deponere longum… morem difficile est. De elisione, contra, aliquid possum dicere, identidem de ictibus. Invenietis etiam duorum doctissimorum virorum documenta, ex quibus duo latina lingua scripta.

Valete

Ecce quattuor documenta:

 

Notizie

Convegno sugli orizzonti delle lingue classiche

Presso l'Istituto Gonzaga si è tenuto, nei giorni 25 e 26 febbraio 2016, un interessante convegno sugli Orizzonti della didattica delle lingue classiche.
Ecco un sintetico resoconto sugli interventi.

Due pomeriggi interi passati a riflettere su Gli Orizzonti della didattica delle lingue classiche erano attesi da tempo. L’ampia Aula Magna dell’Istituto Gonzaga...

Leggi tutto: Convegno sugli orizzonti delle lingue classiche

Notizie

Altri articoli...

Notizie in breve

Una ricca offerta di saggi su TLS 2016

Segnalo alcuni articoli interessanti contenuti nei più recenti numeri del supplemento letterario TLS (The Times Literary Supplement www.the-tls.co.uk), che ha sempre uno spazio dedicato alla cultura classica.

  • 2 settembre 2016: Simon Goldhill dedica ad Aristofane ...
Leggi tutto...

Tinniat tinniat tintinnabulum

Con questo ritornello il professor Keith Massey traduce in latino la canzone natalizia Jingle bells. Interessante e originale la pagina http://www.keithmassey.com/latinsongs.html dedicata alle traduzioni di canzoni famose.
Il sito merita una visita, non solo in periodo natalizio.

 

 

 

Due parole su Vittorio Sermonti

Alla commemorazione di questo grande studioso vorrei solo aggiungere due parole sull'importanza che ha saputo dare al suono delle parole. Grazie a Sermonti si è capito che non basta essere attori per leggere bene un poeta come non basta essere degli studiosi per trasmettere l'amore per la poesia. La tecnologia moderna può servire per compiere questo miracolo: restituire voce e vita a un testo che non è nato per essere letto mentalmente su un foglio di carta stampata, ma per essere letto ad alta voce, per giungere, attraverso le orecchie, al cuore. Grazie Vittorio http://www.vittoriosermonti.it/  

Chi è online

Abbiamo 8 visitatori e nessun utente online