Mediolani

Versione multimediale dell'articolo pubblicato nel N.8/2015 della rivista Nuova Secondaria. La Casa editrice La Scuola, che ringrazio pubblicamente, ha fornito alcuni numeri della rivista che saranno distribuiti gratuitamente ai partecipanti. La locandina si può scaricare qui.

 

Categoria: Notizie

Nel numero 8 della rivista Nuova Secondaria, all'interno del dossier "Il cibo nel mondo antico", compare un mio articolo che affronta un argomento di attualità, considerando il tema di EXPO 2015. I grandi autori non si interessarono del cibo come noi, ma in molte opere si trovano dei dettagli che ci fanno comprendere quali valori potessero assumere i cibi per gli antichi. Ci sono diversità e affinità che vi invito a leggere direttamente.

Se poi qualcuno vorrà farmi pervenire qualche riflessione lo ringrazierò. L'articolo si può scaricare qui. Buona lettura!

Categoria: Notizie

Tertio nonas maias  - Laudatio funebris

 

Heu! fuit ille, fuit. Immotaque funere membra

ut iacuere toris, resolutaque frigore, tantus

cum gemitu in superas ubi fugit spiritus auras,

sic habet attonitos mortales nuncia fama.

Leggi tutto: A. d. III nonas maias (il cinque maggio)

Categoria: Notizie

Piccolo resoconto dell’incontro del 23 gennaio 2015 presso il Civico Museo Archeologico di Milano.

L’interessante seminario ha presentato l’attività dell’Associazione Italiana di Archeometria (AIAR), che coordina diverse attività legate ai beni culturali. L’obiettivo dell’AIAR è quello di far parlare un linguaggio comune alle diverse scienze che si occupano delle analisi elementali e della datazione dei reperti archeologici. Negli ultimi anni, infatti, sono nate numerose discipline scientifiche che si occupano di analizzare, datare e individuare i migliori metodi per la conservazione dei beni archeologici, libri, oggetti e dipinti. Eccone un elenco: Archeobiologia, Archeozoologia, Archeobotanica, Paleonutrizione, Paleopatologia.

Queste nuove scienze sono importantissime, perché l’archeologia ha bisogno di arricchire le conoscenze fino ad oggi affidate alla capacità di interpretare gli elementi visibili dei reperti. L’archeologo vuole saper come si nutriva, come viveva, in che anno i nostri antenati costruivano i manufatti

L’associazione, istituita nel 1993, è raggiungibile a questo sito. La prof. Emanuela Sibilia ha illustrato e discusso criticamente i risultati della campagna di datazione condotta dall’Università di Milano-Bicocca, spiegando che la datazione individuata con metodi scientifici può dare una certezza solo come termine post quem del reperto, perché i dati vanno sempre valutati.

L’excursus ha accompagnato il pubblico in una visita virtuale ai numerosi (e generalmente poco conosciuti) siti archeologici milanesi, toccando le chiese di Sant’Ambrogio e San Lorenzo, passando sulle mura spagnole nella zona di Porta Volta, per concludersi nella zona del Museo Archeologico, dove a breve sarà visitabile il piano alto dell’unica torre muraria romana giunta fino ai nostri giorni.

Da ricordare: la storia dei tubuli milanesi. Nell’XI sec. a Milano crollarono le volte di numerosi edifici di età romana; gli artigiani locali, riprendendo la tecnologia antica, ricostruirono le volte usando i tubuli, come gli antenati, per alleggerire le volte.  Immagine tratta da Wikipedia

A questo link il video proiettato nel corso della serata, che offre una panoramica dei siti archeologici milanesi che recentemente sono stati oggetto di indagine.

Categoria: Notizie

La temporanea chiusura del sito è dovuta a un aggiornamento tecnologico doveroso che mi ha creato qualche problema. Chiedo ai miei pochi ma (mi sembra) affezionati lettori di pazientare un po': sto lavorando alla grafica e spero che questo aspetto minimale sia ugualmente gradito. I lavori intanto proseguono smile

Categoria: Notizie

News Letter